liberi professionisti


Vai ai contenuti

La contabilità Professionisti

Articoli e Conferenze

Udine 24 febbraio 2010

I liberi professionisti oggi giorno possono gestire la tenuta della loro contabilità utilizzando uno dei quattro regimi contabili previsti dal Legislatore italiano. Alcuni regimi contabili sono applicabili da qualunque libero professionista (regime
contabilità semplificata e regime contabilità ordinaria), altri sono accessabili solo qualora sussistano determinate condizioni quali il non superamento di un limite temporale o di un limite massimo di fatturato e/o di un ammontare di beni strumentali nel patrimonio aziendale ( regime dei minimi e regime nuove inziative imprenditoriali).
La presenza di quattro regimi contabili di per sè solleva il problema della scelta del
sistema di tenuta della contabilità più conveniente per il libero porfessionista da un punto di vista economico e finanziario. Un'aspetto importante, spesso ignorato, o non conosciuto, nella scelta del regime contabile è costituito dal possibile conflitto d'interessi tra il libero professionista soggetto all'obbligo della tenuta della contabilità e il dottore commercialista o l'esperto contabile a cui si è rivolto il libero professionista per l'espletamento di tale obbligo.
Tale potenziale conflitto di interessi nasce dal
diverso guadagno che il professionista contabile consegue nei differenti regimi contabili. Tendenzialmente possiamo affermare che il regime meno costoso (inteso come costo sostenuto dal libero professionista per la consulenza contabile e fiscale) sia il regime dei minimi, che segua ad esso il regime nuove iniziative imprenditoriali ed il regime semplificato, per arrivare al regime più costoso costituito dal regime ordinario.
Se il maggior costo trova la sua giustificazione nel maggior lavoro svolto dall'esperto contabile, nei diversi regimi, non lo trova spesso la scelta del regime
di contabilità da utilizzare verso cui viene indirizzato o mantenuto il cliente.
Un Dottore Commercialista od un Esperto contabile deontologicamente parlando dovrebbe scegliere la soluzione migliore per il cliente.
Va rilevato che statisticamente vi sono vari studi professionali che tutt'oggi applicano la contabilità ordinaria, il cui costo normalmente è almeno doppio rispetto al costo di una contabilità semplificata (che è il secondo regime più caro), a tutti i liberi professionisti loro clienti indistintamente. Ormai da vari anni le motivazioni fiscali, che vedevano penalizzata la contabilità semplificata in tema di Studi di settore e tracciabilità, e che spingevano il libero professionista ad utilizzare il regime ordinario, sono venute meno, ma molti Studi hanno continuato ad utilizzare questo regime nonostante al cliente convenisse il passaggio al alla contabilità semplificata se non addirittura al regime dei minimi, in quanto questo avrebbe determinato una contrazione del loro fatturato.
Laddove la filosofia di uno Studio professionale part
e da un assunto che il miglior servizio per il proprio cliente sia prioritario rispetto a tutto, anche alla convenienza personale di breve periodo, si porranno le condizioni, ad avviso dello Scrivente, per la generazione di un ciclo virtuoso ascendente premiante nel lungo periodo.
Posta questa premessa lo Studio che seguirà questo approccio deontologico, si porrà
nelle condizioni ideali per l'individuazione del regime contabile più adeguato per il proprio cliente, cosa che non sempre risulta scontata soprattutto qualora vi siano i requisiti per ricorrere al regime dei minimi e/o al regime nuove inziative imprenditoriali.
In molte situazioni la scelta va valutata caso per caso ed in modo particolare per i liberi professionisti del mondo sanitario che potendo erogare sia prestazioni sanitarie che non sanitarie devono valutare la convenienza di detrarre o meno l'iva inerente ai costi sostenuti nello svolgimento dell'attività professionale.
Proprio gli Studi che seguono questa
priorità deontologica si vedranno riconscere come l'interlocutore più adatto per il libero professionista per accompagnarlo nello svolgimento della propria attività professionale.

Dott. Comm. Nicola Santin

Home Page | Chi siamo | Dove siamo | Come lavoriamo | Regimi contabili | Tipologie professionali | Contributi ed agevolazioni | Previdenza professionale e contenzioso | Commercialista on line | Articoli e Conferenze | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu